Documenti - 22 dicembre 2011

Lettera Presidente del 22 Dicembre 2011

Francesco Violi

Cari Soci,

come l’anno scorso vi faccio una sintesi dell’andamento della nostra Società durante l’anno in corso.

Devo dire che gestire una Società così antica e prestigiosa è molto bello, ma proprio per questo ci si sente addosso una grande responsabilità a tenere alto il suo livello. Sono stato aiutato in questo dal Consiglio Direttivo, che mi è stato vicino in questi due anni che hanno profondamente cambiato la nostra Società sia nella parte amministrativa sia in quella prettamente scientifica. Il problema principale nella gestione della Società è fare un buon programma congressuale e trovare i fondi per stare al “Cavalieri” di Roma.

Quest’ultimo è sicuramente il cimento più alto. La maggior parte delle società scientifiche preferisce fare congressi in periferia perché costano meno mentre noi abbiamo deciso di stare in una sede storica e prestigiosa, che però costa molto. Per questo motivo abbiamo pianificato una nuova conduzione del congresso futuro che preveda la collaborazione di componenti del Consiglio Direttivo o esterni ad esso che ci aiutino a trovare fondi che ci permettano di rimanere a Roma. Questo nuovo comitato si riunirà a gennaio per decidere come implementare il progetto. Ovviamente sono fiducioso che il prossimo congresso continui la nostra onda lunga; posso dire con orgoglio che siamo forse l’unica società che sta progredendo a fronte di una seria crisi che coinvolge altre società prestigiose.

Il dato consuntivo più importante dell’anno in corso è la Ricerca Indipendente. Vorrei sottolineare che lo sforzo, organizzativo ed economico, per sviluppare un programma di ricerca sul territorio ha vari risvolti positivi. In primo luogo si fa cultura sull’argomento prescelto e si abituano i centri a lavorare su protocolli che hanno ricadute internazionali. È inutile che entri nei dettagli degli studi in corso, ma vorrei sottolineare che ogni studio pianificato ha ricadute sia sul piano prettamente scientifico attraverso pubblicazioni (alcune già fatte, altre in itinere) sia su quello pratico, cioè per i nostri pazienti. Avrete notato come la ricerca SIMI è, in questa fase, rivolta a studi di registro, il cui obiettivo è in primis quello di migliorare i nostri standard di diagnosi clinica. Non vi nascondo che dal loro buon esito potrà derivare un vantaggio per la Società e i suoi centri anche attraverso studi di intervento, che, spero, potranno essere effettuati negli anni a venire.

L’altro punto di interesse sono i nostri giovani internisti che hanno trovato finalmente una loro collocazione non marginale nella Società. L’obiettivo principale di questa presidenza è aumentare il loro “expertise” scientifico ed assistenziale: non è un caso che l’ecografia internistica si stia espandendo sia attraverso iniziative della Società stessa sia attraverso i Master di II livello che stanno cominciando a fiorire sul territorio. La cultura di migliorare gli strumenti diagnostici di primo livello nelle mani dell’Internista è una sfida, ma anche una speranza per le nuove generazioni perché il nostro lavoro sia sempre di più riconosciuto a livello sociale.

Concludo sottolineando che tutto quello che è stato pianificato ed organizzato l’anno scorso sarà ribadito anche quest’anno, perciò invito tutti a seguire il nostro sito dove troverete le informazioni complete sulle iniziative della Società nel prossimo anno. Vorrei a tal proposito ricordarvi che potete usufruire gratis della FAD, uno strumento utile ma che so essere non adeguatamente usato.

Colgo l’occasione per ringraziare l’Ufficio di Presidenza, il Consiglio Direttivo, e la Segreteria nelle persone di Fiorella Pepe e Simona Pescetelli per il servizio che rendono alla nostra Società.

Sempre aperto a qualunque suggerimento, colgo l’occasione per formulare ad ognuno di voi ed alle rispettive famiglie auguri di Buon Natale e Buon Anno.

  Francesco Violi

Presidente SIMI


22